Metronapoli.it

FacebookYoutubeTelegramInstagramTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Comune di Sant'Agnello, i concerti per gli eventi pasquali Resurrexit

22/3/2024 - Sabato 23 marzo ore 19 concerto della Schola Cantorum San Francesco di Sorrento. Lunedž 25 marzo il Miserere per le antiche vie del borgo di Trasaella

Ultimi due appuntamenti per il cartellone di eventi pasquali “Resurrexit”, nato dalla sinergia tra il Comune di Sant’Agnello e le Confraternite santanellesi, e realizzato nell’ambito del progetto “Sant’Agnello. Luci, colori e musica - Dal Profano al Sacro”, con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli.

Sabato 23 marzo alle 19:00 presso la chiesa dei Ss. Prisco e Agnello si terrà il concerto-meditazione “Stava Maria dolente” a cura della Schola Cantorum San Francesco di Sorrento diretta dal Maestro Rosanna Frasso.

Le voci soliste di Italia Fiorentino, Imma Ferola e Rosa Cacace, accompagnate dal coro, dall’organista Enrico Pizza e dal violinista Gianluca Russo, eseguiranno composizioni di Frisina (Miserere, “Padre ho peccato” e “O croce fedele”) e di don Angelo Castellano (“O Quam Tristis”, “Quis Non Posset” e “Virgo Virginum” dallo Stabat Mater), oltre all’Ave Verum Corpus di Mozart, il celebre Adagio in Sol minore di Albinoni-Giazotto per violino e organo e il brano “Stava Maria dolente” di A. Lotti, per solista e coro, che dà il nome al concerto.

La Schola Cantorum San Francesco di Sorrento è una corale polifonica nata nel 2007 dal desiderio della comunità francescana di istituire un gruppo di cantori che animasse la liturgia durante le solennità. Attualmente l’organico è costituito da circa 50 elementi. Ha al suo attivo numerosi concerti sia sul territorio sorrentino che su quello nazionale.

Infine lunedì 25 marzo alle 19:00 presso la chiesa di S. Maria delle Grazie, a Trasaella, il coro del Miserere, che partecipa alle tre processioni organizzate dalle Confraternite, intonerà il “Miserere mei Deus” sul sagrato della chiesa madre e per le antiche vie del borgo.